Cresce la partecipazione all’Expo dei Sapori Mediterranei ideata da Progecta che quest’anno ospiterà oltre 50 eventi a partire dal Congresso della Federazione Cuochi Italiani: 1000 chef si confronteranno sull’evoluzione della figura professionale. In prima linea la Regione Campania. Focus sui valori dell’enogastronomia nazionale ed internazionale ed i primati produttivi italiani con aree espositive, degustazioni tematiche ed incontri con le aziende. Spazio alla formazione con l’Agorà dei Giovani Cuochi

Manca meno di un mese all’inaugurazione della quarta edizione di GUSTUS, l’Expo dei Sapori Mediterranei che quest’anno, nell’area fieristica della Mostra d’Oltremare, ospiterà oltre 50 eventi nei 3 giorni di lavoro tra dimostrazioni, esibizioni, performance, prove tecnologiche, corsi di formazione presso gli stand degli espositori e le sale convegni.

L’evento organizzato da Progecta si annuncia ancora più ricco ed interessante rispetto alle passate edizioni che pure avevano proposto e rilanciato i temi legati alla diffusione e commercializzazione in Italia e all’estero delle eccellenze agroalimentari del territorio.

Al marketplace che favorirà l’incontro fra l’offerta dell’industria agroalimentare e la domanda professionale, si affianca quest’anno un importante momento di confronto fra coloro che proprio sui prodotti dell’agroalimentare, italiano in particolare, hanno costruito professione ed immagine.

GUSTUS 2017 ospiterà infatti il Congresso della Federazione Italiana Cuochi. Giunto alla sua ventinovesima edizione, l’evento si svolgerà per la prima volta a Napoli per consacrare nel cuore del capoluogo campano la cultura mediterranea delle eccellenze gastronomiche.

La consacrazione di GUSTUS arriva anche dalla presenza annunciata fra gli espositori di brand di primo piano dell’industria agroalimentare italiana ed internazionale con il debutto, fra gli altri, di Barilla, Zanussi, Accademia Macelleria Italiana, Surgital, Baldi, Cupiello, Royal Grillen e tanti altri.

Secondo le previsioni della Federazione dei Cuochi, nel corso dei tre giorni di lavori il Congresso FIC vedrà la presenza di oltre 1000 chef italiani e stranieri; fra questi non mancheranno i grandi nomi che si sono affermati grazie alla loro professionalità e che oggi sono diventati volti familiari anche al grande pubblico grazie ai tanti canali tematici ed alle trasmissioni televisive dedicate alla cucina ed alla ristorazione.

Tema dell’appuntamento 2017 con la platea nazionale degli chef è ‘Cuoco C6’, per indicare ironicamente l’aspirazione ad esserci, incontrarsi e declinare, in continuità con il precedente congresso (cuoco 3.0), almeno 6 attitudini indispensabili all’esercizio della professione:

Consapevolezza, Creatività, Competenza, Condivisione, Curiosità e Cuore