ItalianoEnglish

Madrepuglia vuol dire famiglia… Da anni nella azienda agricola della famiglia Sinisi, si coltivano olive come da tradizione Pugliese. Distese di alberi collocati nella zona di Andria tra le colline di Castel del Monte e zone limitrofi sono il fiore all’occhiello della Famiglia. Da intere generazioni coltiviamo solo Coratina con i metodi più all’avanguardia e allo stesso tempo ecosostenibili ad impatto zero per l’ambiente. L’olio estratto dalle nostre olive viene portato alla molitura nelle 12/24 ore dal raccolto proprio per preservarne l’assoluta qualità.

Il nostro impegno da anni è quello di fornire ai nostri clienti uno scorcio delle nostre terre di Puglia.

La raccolta delle olive viene effettuata con reti utilizzando abbattitori meccanici; questi scuotono la pianta provocando la caduta delle olive sulle reti e successivamente accumulate in contenitori chiamati bins.
La molitura avviene tra le 12 e le 24 ore dall’arrivo delle olive al frantoio; l’estrazione viene effettuata da un impianto a ciclo continuo esclusivamente con mezzi meccanici, tecnologicamente avanzato, che ci consente di tenere sotto controllo costantemente la temperatura e tempi di lavorazione. Abbiamo pensato di adottare pian piano l’agricoltura biosonara per diversi motivi legati a una delle più forti passioni dell’azienda…La musica…
L’armonicoltura o agricoltura biosonora rappresentano metodi di coltivazione “gentili” che si inseriscono nei cambiamenti da mettere in atto per percorrere il cammino verso uno sviluppo sostenibile.

Tutti i nomi dei nostri oli sono di natura musicale. Assolo, Melodico, Soprano ecc.
Madrepuglia nasce da un idea di Vincenzo Sinisi figlio di Imprenditori agricoli dell’azienda agricola Sinisi e Giuseppe Roberto entrambi legati alla musica e musicisti di professione.
Nei terreni dell’azienda agricola le piante di ulivo vengono ripetutamente accompagnate da un sottofondo musicale di musica classica o pop.
Siamo convinti che l’agricoltura biosonora gia’ studiata dall’università di Pisa e di Firenze possa essere il futuro delle nostre coltivazioni.